Cultura: Roma, capitale.


Colosseo
Roma, si sa, è la Capitale d'Italia. Ma prima di tutto Roma è un immenso capitale culturale. Nessuna città al mondo è come Roma, e noi italiani abbiamo la fortuna di poterci arrivare in poche ore di viaggio. Roma è anche simbolo di accidia, peccato capitale, è simbolo di un mondo che per indifferenza o per indolenza vorrebbe tutto senza però fare molto per migliorare, senza distinzione tra turisti italiani e stranieri, o tra romani acquisiti e romani de roma. Roma è la Capitale d'Italia, è al centro del Paese, è rappresentazione dell'Italia e degli italiani, spartiacque e miscelatore tra culture dei nostri nord e sud, Roma è la città simbolo di un impero, è la città che accoglie nel suo grembo il Vaticano e il Papa del cattolicesimo. Roma è un capitale inestimabile di storia e cultura, un museo a cielo aperto, un punto di incontro tra culture e religioni, un opportunità di benessere intellettuale, sociale, economico. Roma è un peccato capitale, è indolenza e indifferenza, è arroganza e maleducazione, è una città rovinata dalla politica ma che di politica si nutre, come Romolo e Remo si nutrono dalle mammelle delle Lupa, una città di ineguaglianze, una città dove con la scusa delle buche si può gettare qualsiasi cosa per terra e nelle strade, una città dove ci si lamenta molto e si fa troppo poco, almeno alla vista di chi, come me, la vive da ospite affascinato, emozionato, e talvolta un po' deluso. Ma Roma è Roma, e si sa, non è stata costruita in un giorno. Ci vuole pazienza, Roma è fatta così. Roma è stupenda, Roma è capitale.

- Archivio: Venezia
- Archivio: Firenze


- Immagine: Coliseum 2007, Photo by Dilif, Wikipedia

0 commenti:

Posta un commento