Benedetto il Gran Rifiuto


Papa Benedetto XVI non mi è mai piaciuto. Non sono cattolico, non sono credente, o meglio sono in un limbo (ops... il limbo non c'è più, l'ha abolito proprio lui) tra agnosticismo e ateismo. Sono cresciuto con Papa Wojtyla e sebbene fossi in forte contrasto con molte sue idee, ho sempre ammirato la sua personalità e la sua vicinanza, anche fisica, all'umanità del quotidiano. Ho ammirato anche la sua scelta di mostrare al mondo la sua sofferenza fino alla fine, un modo di umanizzare drasticamente il suo ruolo e la sua figura, facendo sentire al mondo il valore dell'esempio. Papa Ratzinger non mi è mai piaciuto, così diverso da Giovanni Paolo II e così poco umano, teutonico, extraterrestre... Passatemi il paragone calcistico: dopo una partita sonnecchiosa e noiosa si avvicina il novantesimo, e cosa mi combina Benedeto XVI? Mi fa un goal capolavoro in rovesciata. Il gran rifiuto (gesto coraggioso, al contrario di Celestino V) è una decisione storica in diretta continuità con la scelta di sofferenza di Papa Giovanni Paolo II. Wojtyla ha umanizzato la figura papale, Ratzinger ne ha umanizzato il servizio. Una svolta rivoluzionaria che pone la Chiesa Cattolica di fronte all'opportunità di riformarsi nel profondo e ritrovare nuove energie. L'alternativa? L'oblio, lento ma inesorabile. Indipendentemente dalle sorti della Chiesa Cattolica, cattolici o non cattolici, credenti o non credenti, il Papa ci regala il suo esempio, ci regala l'importanza della scelta, l'importanza del rinnovamento. Un vecchio Papa (ormai Emerito, vista l'ora) ci insegna il valore dell'innovazione, ovvero il valore delle scelte e delle decisioni difficili, il valore della lungimiranza, il valore dello sguardo rivolto oltre l'orizzonte, l'iportanza del domani contrapposta alla banalità dell'oggi. Con il Conclave di Santa Romana Chiesa siamo di fronte alla possibile nascita di una "startup" potenzialmente dirompente per le dinamiche della società e della civiltà umana, ma saranno i protagonisti della situazione (protagonisti loro malgrado, come i signori cardinali che hanno subìto la decisione del Papa) all'altezza di tale cambiamento rivoluzionario? Tempo al tempo. (Foto:©Franco Origlia/Getty Images, fonte businesspeople.it)


0 commenti:

Posta un commento