Idee, brevetti e invenzioni.


Nel mondo del design e dell'innovazione la notizia del giorno è il risultato dell'ennesima battaglia, dell'ennesimo scontro tra titani: Apple contro Samsung. Una guerra senza esclusione di colpi. Una guerra di idee, di fatturati, di mercato. In questo mondo pilotato dalla finanza, in cui tutti possono produrre di tutto, l'unica arma di predominio assoluto è la creatività. Il mondo dei diritti d'autore e dei brevetti è complesso e intricato. Non amo chi copia, anzi, ma sostengo che alcune norme siano anacronistiche. Un'idea dovrebbe essere protetta più facilmente e più rapidamente, allo stesso tempo un'idea dovrebbe essere più facilmente condivisibile. C'è troppa burocrazia, c'è troppo protezionismo. Molti giovani designer e creativi mi chiedono spesso come poter proteggere la loro idea e allo stesso tempo promuoverla per trovare dei partner che possano svilupparla. Le possibilità ci sono, sono molte, spesso costose, se non in denaro, in tempo speso ed energie consumate. Se pensate davvero di avere in mente qualcosa di importante affidatevi a professionisti del settore, evitate il più possibile il fai da te, cercate la collaborazione di incubatori d'impresa, parchi scientifici e tecnologici, progettisti esperti, consulenti specializzati in start-up. Io mi permetto comunque di darvi qualche piccolo consiglio, anche per interfacciarvi con maggiore tranquillità con questi potenziali collaboratori. Prima di tutto non siate egocentrici. Semplicemente la vostra idea potrebbe già averla avuta qualcun'altro. Fate una ricerca approfondita per evitare di incorrere in guai futuri. Potete fare una ricerca sul web o affidarvi a dei professionisti per una ricerca di anteriorità. Il mio primo consiglio per proteggere le vostre idee è di inserire una nota di copyright in tutte le pagine di tutto il materiale grafico e di testo che forma il vostro progetto. Una volta raccolto tutto il materiale, create una pagina riassuntiva che descrive i cardini del vostro progetto, passate alle Poste e fatevi annullare un francobollo con un timbro che indica la data. Utilizzate le copie di questo documento per promuovere la vostra idea e preparate un semplice accordo di non divulgazione da firmare prima delle riunioni con i vostri potenziali partner nel quale dichiarate la necessità di segretezza sui temi discussi durante l'incontro. Questo procedimento vi consentirà di avere una protezione minima, ma allo stesso tempo massima facilità e rapidità di movimento. Se non adottate nemmeno questo piccolo scudo, siate consapevoli di essere completamente allo scoperto. Se desiderate un livello di protezione maggiore, l'Associazione per il Disegno Industriale (ADI) mette a disposizione un servizio molto interessante di deposito di progetti, con costi alla portata di tutti e con la garanzia di un ente di prestigio riconosciuto internazionalmente. Se desiderate il massimo grado di protezione affidatevi invece alle procedure di registrazione (le categorie di registrazione sono tre: del marchio, del brevetto di invenzione o del disegno/modello). La procedura è complessa ed è preferibile farsi assistere dagli uffici delle camere di commercio o da professionisti specializzati. I tempi spesso sono lunghi ma il livello di protezione della vostra idea, soprattutto a iter concluso, è massima. C'è la possibilità di proteggere la vostra idea a livello nazionale, in più nazioni selezionate, a livello europeo, a livello mondiale. La burocrazia e i costi ovviamente crescono proporzionalmente al livello di protezione richiesto. Concludo con qualche ultimo consiglio. Proteggere le proprie idee è giusto, ancor più importante è condividerle. Createvi una rete di contatti o un gruppo di amici e colleghi con cui discutere le vostre idee. Le idee condivise hanno più energia, più vitalità. Infine quando avete un'idea interessante non fermatevi alla superficie, scavate a fondo, realizzate un progetto serio di sostegno alla vostra idea. Questo approccio vi consentirà di essere sempre un passo avanti rispetto agli altri, soprattutto rispetto a chi vi copia.