Professione designer: il dub(bio)













Mi è stato chiesto come una persona può accorgersi di poter diventare un designer. Dopo qualche dubbio su quale potesse essere una risposta sensata, ho pensato alla mia storia personale. Ho risposto che a mio modesto parere chi vuole diventare un designer deve avere tre qualità fondamentali: passione, curiosità, perseveranza. Passione: perchè non si fa il designer, si è designer. Se quello che ti interessa è fare l'impiegato, ma un po' più figo perchè sei nel settore del design, io francamente ti consiglio di lasciar perdere. Se sei disposto a far entrare il design nella tua vita e a confondere il tuo essere persona con il tuo essere professionista, sei già a buon punto. Se inizierai a interessarti a questo mondo e (col tempo) ti accorgerai che in pizzeria il sabato sera con gli amici la prima cosa che guardi sono i punti di saldatura degli sgabelli, l'effetto al tatto del legno del bancone e i font con cui è stato scritto il menù prima ancora di pensare a che pizza e che birra prendere, allora sarà la conferma che sei sulla buona strada. Curiosità: perchè essere un designer vuol dire essere un po' artista, un po' inventore, un po' ingegnere, un po' architetto, un po' grafico, un po' fotografo, un po' stilista, un po' agente di commercio, un po' operaio metalmeccanico, un po' falegname, un po' filosofo, un po' sociologo, un po' psicologo... e nello stesso tempo non sei nulla di queste cose e anzi se mai ti venisse il dubbio di essere veramente bravo in una di quelle cose, significa che non stai più pensando da designer. Solo se hai tanta curiosità, tanta voglia di toccare, leggere, vedere, viaggiare, solo se sei disposto continuamente a imparare e se hai la consapevolezza che non saprai mai abbastanza, allora hai la propensione giusta per pensare di diventare designer. Perseveranza: perchè diventare un designer affermato, oggi, è come voler fare il calciatore di serie A. Uno su mille ce la fa... e non è solo questione di culo, ma di lungimiranza e impegno perchè c'è e ci sarà sempre qualcosa di nuovo da esplorare e da imparare. In questo mestiere non ci si riposa mai, non esiste il weekend, non si è mai ammalati e mai si va in pensione. Ultima cosa, ma bada bene è forse la più importante: fotografa con il tuo cellulare tutte le cose che ti incuriosiscono e che incontri durante il giorno. Una volta la settimana prendi un quaderno e con una penna disegnale e prendi appunti sul perchè ti hanno incuriosito, aggiungi annotazioni su qualsiasi altra cosa ti venga in mente, trascrivi frasi, poesie o citazioni di film, attacca ritagli di riviste, pezzi di oggetti che ti ricordano lo stesso materiale. Se dopo una settimana ti sei rotto le palle di questo giochino, forse il design non fa per te. Se dopo un mese sei ancora preso dalle tue foto rubate, dai tuoi scarabocchi e stai ancora perdendo il tuo tempo a ritagliare riviste, allora sei pronto per il passo successivo: pensare a come puoi diventare un designer.